Il ruolo di Lockheed Martin nel maxi accordo militare firmato da Trump in Arabia Saudita

Il ruolo di Lockheed Martin nel maxi accordo militare firmato da Trump in Arabia Saudita
Ventotto miliardi di dollari. Questo il valore della partecipazione di Lockheed Martin allo storico accordo militare (che di miliardi ne vale 110) che Donald Trump ha siglato con il re Salman nel corso del recente viaggio in Arabia Saudita. Il costruttore, che conferma così il ruolo di leadership nelle esportazioni militari statunitensi, fornirà sistemi di difesa missilistica, velivoli tattici, elicotteri e navi da combattimento. LE PAROLE DELLA CEO HEWSON I problemi iniziali tra Donald Trump e la ceo e presidente di Lockheed Martin Marillyn Hewson non hanno intaccato la capacità di proiezione esterna del colosso della difesa Usa. Le critiche che il tycoon aveva rivolto al programma F-35 già prima dell'insediamento, e le incomprensioni che ne erano seguite con la numero uno di LM, sembrano essere definitivamente superate. "Siamo orgogliosi di essere parte di questo storico annuncio che rafforzerà le relazioni tra Stati Uniti e Arabia Saudita", ha spiegato la Hewson, giunta a Riad con la delegazione Usa. “Siamo orgogliosi in modo particolare di come il nostro vasto portafoglio di prodotti e tecnologie avanzate per la sicurezza globale potenzierà la sicurezza nazionale in Arabia Saudita, rafforzerà la causa della pace nella regione e fornirà la base per creazione di posti di lavoro e opportunità economiche negli Stati Uniti e nel Regno”. IL MAXI ACCORDO L'accordo firmato dai due capi di Stato, vale “almeno 110 miliardi di dollari” secondo la Casa Bi[...]

Articoli correlati

  • Iran, contratto con Boeing per 80 aerei. Presto anche con Airbus12 dicembre 2016 Iran, contratto con Boeing per 80 aerei. Presto anche con Airbus L'Iran ha siglato nella giornata di ieri un contratto da 16,6 miliardi di dollari con Boeing per la fornitura di 80 aeri destinati al trasporto passeggeri. Come annuncia il costruttore statunitense, l'accordo prevede 50 velivoli a fusoliera stretta 737 MAX 8, e 30 wide-body 777, equamente divisi ...
  • Tra Obama e Trump resta il nodo Iran26 novembre 2016 Tra Obama e Trump resta il nodo Iran Con 419 voti favorevoli e solo uno contrario, la Camera dei rappresentanti ha approvato l’Iran Sanctions Extension Act, una legge che regolamenta le sanzioni imposte dagli Stati Uniti nei confronti dell’Iran. La scadenza dell’atto è prevista per il 31 dicembre di quest’anno, a meno che il Congres...
  • Che cosa ha detto al Pentagono James Mattis, nuovo segretario alla difesa Usa23 gennaio 2017 Che cosa ha detto al Pentagono James Mattis, nuovo segretario alla difesa Usa “È bello essere tornato, e sono grato di servire al vostro fianco come Segretario alla Difesa”. Con queste parole James N. Mattis ha aperto i quattro anni del proprio mandato alla guida del Pentagono. Il generale quattro stelle in pensione del Corpo dei Marines, scelto da Donald Trump per diriger...
  • F-35, ecco cosa sta succedendo fra Donald Trump e Lockheed Martin12 gennaio 2017 F-35, ecco cosa sta succedendo fra Donald Trump e Lockheed Martin Trump non molla e sul programma F-35 pretende costi più bassi. Lo ha ribadito dall'atrio della Trump Tower di New York nel corso della conferenza stampa, la prima dopo 67 giorni dall'elezione, che ha fatto clamore soprattutto per il riconoscimento ufficiale da parte del presidente eletto del coin...
  • Cosa è successo davvero tra Leonardo-Finmeccanica e Raytheon. Parla Crosetto (Aiad)27 gennaio 2017 Cosa è successo davvero tra Leonardo-Finmeccanica e Raytheon. Parla Crosetto (Aiad) Primo: “A due mesi dalla gara, la decisione repentina e improvvisa di Raytheon mostra un atteggiamento superficiale e non da grande azienda qual è”. Secondo: “I prodotti della difesa non sono prodotti di mercato normali e perciò richiedono un chiarimento con il governo americano". Così Guido Cros...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>