Se non è Vigne Surrau è Botta Dritta

Cagliari, con una prima giornata di maestralino leggero e una seconda giornata di vento serio, ha ospitato il Campionato Zonale J24, il Campionato sardo con la C Maiuscola per le imbarcazioni cabinate. "Regate vere, senza possibilità di errore, con un alto contenuto agonistico" Dice Mariolino Di Fraia, timoniere di Botta Dritta. Nella prima giornata è Vigne Surrau che fa capire di voler vincere ma, nella seconda giornata tutto gli gira storto. In un incrocio troppo tirato l'albero del J24 del Club Nautico Arzachena si scontra con l'albero di Aria: strallo danneggiato ed Aurelio Bini e soci sono costretti a rientrare a terra senza partecipare alle ultime due prove. Quindi spazio libero per i nemici numero uno di Vigne: Botta Dritta. Sì, proprio il "vecchio Botta Dritta", il cui equipaggio ha l'età media più alta di tutti. Eppure sono sempre fortissimi e lo hanno mostrato nell'ultima prova, vincendola di prepotenza dopo una partenza difficile e una prima bolina in cui hanno rosicchiato metro su metro, grado su grado, ad ogni scarso/buono. "Luca ha fatto delle scelte sempre eccellenti" Dice sempre Mariolino del suo tattico Luca Montella, che è riuscito a ritagliarsi un weekend tra i suoi vari impegni istituzionali "Scelte che ci hanno permesso di rimediare a partenze che non sono mai state brillantissime. Comunque anche la velocità della nostra barca ci ha dato un bell'aiuto. E' stato un bel campionato caratterizzato dal ritiro di Vigne Surrau che ci ha facilitato il [...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>