Italia poco digitale ma molto cyberinsicura

COMUNICATO STAMPAITALIA 4° PAESE AL MONDO VITTIMA DI RANSOMWARE,I VIRUS CHE CHIEDONO RISCATTIUNA NUOVA MINACCIA PER LE AZIENDEBergamo, 10 giugno 2018 - La prima metà del 2017 sarà ricordata - e non solo dagli esperti di sicurezza - per gli attacchi di sistemi ransomware, i virus informatici che bloccano i documenti e chiedono un riscatto. Una minaccia significativa per le aziende, per le imprese industriali e, in particolare, per le imprese che dispongono di infrastrutture critiche, poiché l'attività del malware può determinare l’interruzione dei processi industriali.L’Italia è tra i Paesi più colpiti. Tra marzo e aprile 2018 il nostro paese è distinto come 4° al mondoper numero di macro malware, registrando un triste primato: nel mese di aprile è stato il Paese dell’Europa centro-meridionale più colpito dai ransomware, con un totale del 13% di attacchi subiti. (Fonte: Datamanager)In generale, lo 0,5% dei computer nell'infrastruttura industriale delle organizzazioni è stato attaccato tramite crittografia ransomware almeno una volta nella prima metà del 2017 e, se facciamo riferimento al solo ransomware WannaCry, la sua rapida proliferazione è iniziata il 12 maggio 2017 trasformandosi in un'epidemia che ha colpito computer in 150 paesi in tutto il mondo. WannaCry ha attaccato computer di persone coinvolte in diversi tipi di produzione, raffinerie, infrastrutture urbane e impianti di distribuzione elett[...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>