Un milanese a Como: Federico Beretta e i sapori dell’arco alpino nella sua cucina decisa e personale

Un milanese a Como: Federico Beretta e i sapori dell’arco alpino nella sua cucina decisa e personale
Como è una città luminosa, come la gran parte dei luoghi che si affacciano su un lago, incastonata tra il verde delle prime montagne e baciata da un clima che insieme al fascino di storia e architettura attira turisti quasi tutto l’anno. Si sa che circostanze come queste provocano in genere il proliferare di una ristorazione di qualità inversamente proporzionale alla bellezza del posto, con locali che si adagiano su flussi garantiti e cucine prossime a una triste, irrimediabile mediocrità. Certamente le felici eccezioni non mancano, così come accade con l’accogliente creatura gastronomica concepita da Federico Beretta e sua moglie Elisa Forlanelli, frutto di un feeling che dà vita a Feel (dalle prime sillabe dei loro nomi). Lui tra pentole e fornelli, lei appassionata sommelier e artefice per formazione e indole anche dell’accurata mise en place e dell’architettura interna. Beretta è milanese, con trascorsi tra hotel, brillanti esperienze da free lance e una lunga militanza, è il caso di dirlo, al Circolo Ufficiali Radetzky a Palazzo Cusani nel quartiere Brera a Milano: “lì mi sono trovato a gestire a 25 anni una brigata di 12 persone, parecchie delle quali più grandi di me, è stato davvero un lungo momento formativo”, mentre risale a tre anni fa l’apertura di Feel. Perché allora Como, se lui arriva da Milano e lei è originaria di Pordenone? “Volevo un posto dove potermi muovere a piedi o in bicicletta, lontano dal caos, dal traffi[...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>