Quando le ossa diventano fragili come la porcellana

Quando le ossa diventano fragili come la porcellana
In Europa una donna su due dopo i 70 anni rischia di essere colpita da osteoporosi. Si tratta di una malattia particolarmente insidiosa, capace di portare a fratture delle ossa anche senza particolari traumi. Di questa malattia si è discusso in vista della Giornata Mondiale dell’Osteoporosi del 20 ottobre, a Roma, nel corso di un convegno organizzato dalla Fondazione italiana ricerca sulla malattie dell’osso (Firmo), in partnership con Amgen, con la presentazione de «Il Piatto Forte». La campagna ha l’obiettivo di fare informazione, sensibilizzare la popolazione sulle fratture da fragilità, che possono essere limitate grazie all’alimentazione corretta, attività fisica regolare e un trattamento farmacologico tempestivo e ben tollerato dal paziente. Ossa di porcellana Se non trattata, l’osteoporosi rende le tue ossa fragili come la porcellana, per questo dal 30 settembre prende il via un tour in diverse città italiane, con eventi di due giorni, tra gazebo e camper, con specialisti e anche la misurazione della densità minerale ossea agli utenti. Iniziativa importante che in occasione della presentazione ha visto un parterre di altissimo profilo, su tutti il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che ha aperto i lavori ricordando che «le fratture ossee costano al sistema sanitario una cifra enorme, ma soprattutto alle persone che le subiscono, pensiamo alle fratture del collo del femore che possono compromettere la vita delle persone interessante, per questo[...]

Articoli correlati

  • <!--:it-->Il futuro è nella flessibilità; perchè non applicarla all’high tech?<!--:-->17 dicembre 2012 Il futuro è nella flessibilità; perchè non applicarla all’high tech? Materiali elettrici indossabili e smartphone flessibili sono sempre più vicini alla realtà. L'università di Zurigo in Svizzera ha scoperto un nuovo materiale che è realizzato in poliuretano con isole rigide che sono impregnate di ossido di alluminio e laponite.  Circuiti elettronici e cablaggio p...
  • Parto cesareo, per lesioni cerebrali tre infermiere indagate a Catania6 dicembre 2016 Parto cesareo, per lesioni cerebrali tre infermiere indagate a Catania Il desiderio di avere un figlio, poi scoprire di essere incinta. Nove mesi di sacrifici, rinunce, fatica, attesa, gioia. Un giorno arriva il momento del parto in un ospedale di Catania e qualcosa va storto. Il bambino nasce con gravi lezioni cerebrali. Oggi, a un anno di distanza, tre dottoressa...
  • AIDS: proteina prodotta dalla donna può bloccare l’HIV in tre modi. Lo studio2 marzo 2017 AIDS: proteina prodotta dalla donna può bloccare l’HIV in tre modi. Lo studio C'è una difesa naturale prodotta dall'organismo della donna contro l'Hiv: è una proteina che potrà rivoluzionare i trattamenti per combattere il virus dell'Aids. La notizia arriva da Sidney. L'arma è la proteina chiamata Interferon epsilon che si trova nel tratto riproduttivo femminile. Gli scien...
  • In 34 banche del latte materno una nuova tecnica tutta italiana1 aprile 2017 In 34 banche del latte materno una nuova tecnica tutta italiana Arriva una nuova tecnica nella pastorizzazione del latte umano donato alle Banche del Latte che consente di preservare molte più proprietà nutrizionali e biologiche del latte materno. Quest'ultimo è indispensabili per la sopravvivenza e la crescita dei neonati prematuri. Il nuovo metodo di pastor...
  • Povertà: quasi 1 italiano su tre è a rischio. Il dramma del Meridione6 dicembre 2016 Povertà: quasi 1 italiano su tre è a rischio. Il dramma del Meridione Nel 2015 si stima che il 28,7% delle persone residenti in Italia sia a rischio di povertà o esclusione sociale. Secondo la definizione adottata nell'ambito della Strategia Europa 2020, si tratta di individui che si trovano almeno in una delle seguenti condizioni: rischio di povertà, grave depriva...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>