Che vento per l’Alghero-Bosa!

Una pioggia sottile e insistente ha accolto sabato mattina 9 settembre ad Alghero gli equipaggi delle 24 imbarcazioni iscritte alla tradizionale regata per Bosa. Fuori dalle protezioni del porto, gli scafi hanno incontrato un vento di 16 nodi da sud e un’onda viva e insistente in grado di mettere alla prova qualità marinaresche e preparazione dei concorrenti. I primi ritiri già prima del via, poi la lunga bolina verso Bosa Marina dove prima in tempo reale e compensato arriva Corto Maltese, davanti a Ferula e Buddhana, a formare il podio della classe Crociera Regata. Decimata dai ritiri, la flotta della Gran Crociera è regolata da Macassar, unico della classe a tagliare il traguardo. Delle dieci barche iscritte in veleggiata, solo una raggiunge il riparo di Bosa compiendo l’ultimo tratto a motore. Nella notte, un breve ma violento temporale e un fulmine serpeggia tra gli alberi all’ormeggio e si schianta a poche centinaia di metri sul pendio della riva orientale dell’insenatura, lasciando il suo marchio inquietante, un’impronta ellittica, nera di terra bruciata. Domenica mattina, dopo la premiazione organizzata dal Circolo Nautico di Bosa, il via del ritorno ad Alghero con le prime, debolissime tracce del vento previsto. Ma solo dopo numerosi rovesci di pioggia e quasi tre ore si guadagna il traverso di Capo Marrargiu e finalmente compaiono gli attesi 16 nodi di maestrale che Corto Maltese utilizza per giungere primo in reale all’arrivo dopo cinque ore e 7 m[...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>