Malattie dell’apparato digerente, prevenzione gratuita in piazza

Malattie dell’apparato digerente, prevenzione gratuita in piazza
Se non è un allarme, non si può dire comunque che sia rassicurante: «In Campania il tasso di ospedalizzazione per le malattie dell’apparato digerente è il più alto d’Italia (17.3 pazienti colpiti su 1.000 abitanti e 101.195 dimissioni l’anno). Tutto questo anche per effetto della maggiore prevalenza di virus epatitici, in Italia le Epatiti di tipo B e C colpiscono circa 2,5 milioni di persone (65-70% virus c, 10-15% virus B)». I dati sono quelli dell’ Associazione Italiana Gastroenterologi e ed endoscopisti Ospedalieri (AIGO) e riguardano anche le malattie infiammatorie croniche intestinali. Se in Italia si registra una media di 250 casi ogni 100mila abitanti, in Campania la prevalenza stimata è di 15.000 persone. Su base nazionale, un cittadino su 100 è affetto da celiachia mentre quasi il 20% della popolazione italiana è affetta da patologie funzionali dell’apparato digerente. Aigo In… forma «I dati, - avverte la dottoressa Rossella Pumpo, gastroenterologa, consigliere campana AIGO (Associazione Italiana Gastroenterologi e ed endoscopisti Ospedalieri) – registrano, soprattutto in Campania, un significativo incremento e trattandosi di patologie invalidanti la diagnosi precoce diventa lo strumento più efficace per la gestione e la soluzione di queste patologie ed in particolare delle malattie infiammatorie croniche intestinali». Di qui l’iniziativa di una campagna itinerante di diagnosi precoce e cura delle malattie infiammatorie croniche intesti[...]

Articoli correlati

  • AIDS in Italia: una persona su 2 lo scopre troppo tardi21 ottobre 2016 AIDS in Italia: una persona su 2 lo scopre troppo tardi In Italia tra i nuovi malati con Hiv, uno su due lo scopre troppo tardi. Si stima che i contagiati dal virus siano 4mila ogni anno. Più di 90mila persone sono attualmente o in terapia o in contatto con i centri specializzati. Si stima, però, che ce ne siano altre 20.000/30.000 che non sono consa...
  • AIDS: proteina prodotta dalla donna può bloccare l’HIV in tre modi. Lo studio2 marzo 2017 AIDS: proteina prodotta dalla donna può bloccare l’HIV in tre modi. Lo studio C'è una difesa naturale prodotta dall'organismo della donna contro l'Hiv: è una proteina che potrà rivoluzionare i trattamenti per combattere il virus dell'Aids. La notizia arriva da Sidney. L'arma è la proteina chiamata Interferon epsilon che si trova nel tratto riproduttivo femminile. Gli scien...
  • Quanto è in sicurezza la nostra salute (su internet)?25 settembre 2017 Quanto è in sicurezza la nostra salute (su internet)? In Europa i dati personali viaggiano nel 71 per cento dei casi su internet e quelli sulla salute nel 22 per cento. Tuttavia l'Italia si ferma al 52 per cento, ma in generale, gli accorgimenti per la sicurezza non sono sufficienti. Insomma, oltre un quinto ha fornito dati relativi alla sua salu...
  • Povertà: quasi 1 italiano su tre è a rischio. Il dramma del Meridione6 dicembre 2016 Povertà: quasi 1 italiano su tre è a rischio. Il dramma del Meridione Nel 2015 si stima che il 28,7% delle persone residenti in Italia sia a rischio di povertà o esclusione sociale. Secondo la definizione adottata nell'ambito della Strategia Europa 2020, si tratta di individui che si trovano almeno in una delle seguenti condizioni: rischio di povertà, grave depriva...
  • Parto cesareo, per lesioni cerebrali tre infermiere indagate a Catania6 dicembre 2016 Parto cesareo, per lesioni cerebrali tre infermiere indagate a Catania Il desiderio di avere un figlio, poi scoprire di essere incinta. Nove mesi di sacrifici, rinunce, fatica, attesa, gioia. Un giorno arriva il momento del parto in un ospedale di Catania e qualcosa va storto. Il bambino nasce con gravi lezioni cerebrali. Oggi, a un anno di distanza, tre dottoressa...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>