Aspettando l’iPhone

Mezza stampa italiana sta aspettando le sette di stasera per vedere il nuovo iPhone (cioè i tre nuovi iPhone). E intanto si chiede se la Apple sia sempre in grado di produrre grande innovazione. È chiaro che si. Ma è innovazione diversa. In passato ha esplorato nuove tecnologie per inventare nuovi mercati. Oggi sembra chiamata ad accogliere le nuove tecnologie esplorate altrove - intelligenza artificiale, cloud, servizi online - nel suo mondo di significati, servizi e design. È custode di uno stile di evoluzione tecnologica. Ed è per questo, forse, che il suo rapporto p/e - quello che confronta il prezzo in borsa e gli utili - è più basso di quello degli altri giganti della rete. Ci si aspetta che continui così, valutandola forse come l'ossimoro del "solido innovatore" (Sole).[...]

Articoli correlati

  • La battaglia delle piattaforme mobili nella settimana del nuovo iPhone5 settembre 2016 La battaglia delle piattaforme mobili nella settimana del nuovo iPhone Da Statista l'immagine di una battaglia tra piattaforme. Grazie all'effetto-rete, il vincitore (Android) ha preso quasi tutto, penalizzando le alternative generiche e non riuscendo a intaccare la sola alternativa molto caratterizzata: quella che ha cominciato tutto, nel 2007, conquistando una...
  • La fedeltà allo smartphone: quanti cambiano da Apple ad Android o viceversa?5 settembre 2016 La fedeltà allo smartphone: quanti cambiano da Apple ad Android o viceversa? Uno studio di Ericsson, di qualche mese fa, serviva a capire quanto sono fedeli i possessori di smartphone al loro sistema operativo. Di solito chi ha uno smartphone Apple o Android al momento di cambiare apparecchio resta fedele al suo sistema operativo: ogni mese l'1,7% degli utenti Android cam...
  • Coraggio secondo Apple8 settembre 2016 Coraggio secondo Apple È la parola della serata di ieri. Viste le reazioni alla presentazione dei nuovi prodotti della Apple - che ha dato conto della tradizionale eccellenza tecnologica dell'azienda e della sua solita ma sempre sorprendente maestria nel design, rimandando all'anno prossimo l'ispirazione - la parola pi...
  • Rivogliamo internet come architettura distribuita9 dicembre 2016 Rivogliamo internet come architettura distribuita La centralizzazione della maggior parte del traffico in rete e delle risorse realizzata dal successo delle piattaforme private del nuovo millennio e delle operazioni dei servizi segreti pubblici è una tendenza rispettabile ma non definitiva e ineluttabile, viste tutte le conseguenze controver...
  • Che cosa sono quelle piattaforme24 agosto 2016 Che cosa sono quelle piattaforme Mentre l'internet si alimenta nella mobilità e il computing nella nuvola, le piattaforme come Apple, Amazon, Google, Facebook, Microsoft diventano le utility dell'ambiente mediatico emergente. Infrastrutture per mondi che esse stesse creano e governano algoritmicamente. Nei quali mondi vorrebbero...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>