Più di mille euro a bottiglia: lo Chambertin del Domaine Armand Rousseau

Più di mille euro a bottiglia: lo Chambertin del Domaine Armand Rousseau
Diversamente dalle località più rappresentative de La Cote de Beaune, così aderenti all'apparente ruralità che ti aspetti da villaggi dediti alla coltivazione della vite come Meursault o Puligny, qui a Gevrey Chambertin il lusso (comunque non ostentato) trasuda dalle abitazioni e dalla municipalità urbanizzata in maniera piuttosto diversa, già "nordica" nonostante la distanza tra le località simbolo della Cote de Beaune e la Cote de Nuits non vada oltre i 50 chilometri circa. Il profumo dello Chardonnay si annulla ed è il sentore di frutti rossi del Pinot Noir a dominare per le vie di Gevrey. Solo in epoca di vendemmia l'anima agricola si rivela attraverso la presenza di trattori e camioncini, anche in pieno centro, perché le cantine dei Domaine sono installate anche nel cuore della cittadina faro del Pinot Noir a livello mondiale. La parcellizzazione, anche a Gevrey come in tutta la Borgogna, farebbe venire il mal di testa a chiunque non approfondisca con passione terminologie e suddivisioni. Si fa presto a dire Chambertin, perché è proprio la denominazione principale del comune a rappresentare un bel banco di prova e test comparativo tra i molti produttori che detengono qualche fazzoletto di prezioso terreno delimitato nel Grand Cru. Un po' come Clos Vougeot, in piccolo però, Chambertin con i suoi 15 ettari consente comunque confronti e svela i "manici" più brillanti dell'appellation. Tra i Domaine più classici e che sono più pro[...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>