Così il sorriso incide sulla salute e migliora la vita

Così il sorriso incide sulla salute e migliora la vita
Può sembrare una banalità ma non lo è, sorridere fa bene alla salute. A dirlo era stata qualche anno fa una ricerca scientifica pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica Social Cognitive & Affective Neuroscience. Ora ricercatori inglesi hanno confermato questa scoperta e aggiunto nuovi dettagli alla terapia del sorriso. Stando a quanto scoperto, quando sorridiamo riusciamo a recepire in modo diverso le emozioni che ci arrivano dall’esterno. Gli studiosi hanno chiesto a 25 partecipanti di sfogliare una serie di foto che mostravano volti sorridenti o con un'espressione neutrale e hanno registrato le reazioni del loro cervello usando un elettroencefalogramma. Hanno così osservato che quando i partecipanti sorridevano guardando l'immagine di un volto neutrale, il loro cervello avvertiva l'espressione della foto come un sorriso. «È la dimostrazione del ruolo fondamentale che l'espressione facciale ha, soprattutto quando si tratta di decifrare quella altrui - scrivono i ricercatori -. Il nostro studio sembra supportare la frase: se sorridi, il mondo ti sorriderà». «Apatia» da botx Una delle scoperte sorprendenti che sono arrivate in questi anni riguarda l’utilizzo del botox, chi si è sottoposto a trattamenti di estetici ed è arrivato fino al punto da ottenere un irrigidimento dei muscoli facciali, è meno portato a provare le immediate sensazioni di benessere scatenate dal sorriso. Meno si sorride, meno si è capaci di provare l’immediato piacere che [...]

Articoli correlati

  • Il pesce è alleato del cuore, ma attenzione ai contaminati9 maggio 2017 Il pesce è alleato del cuore, ma attenzione ai contaminati Il pesce contiene acidi grassi omega 3, in grado di ridurre il rischio di aritmie, diminuire i livelli di trigliceridi nel sangue, rallentare la progressione della placca aterosclerotica e ridurre leggermente la pressione. A ribadire le sue proprietà nutritive essenziali per il benessere umano è ...
  • Gravidanza, il segreto dell’olio di pesce per i bimbi. Lo studio danese4 gennaio 2017 Gravidanza, il segreto dell’olio di pesce per i bimbi. Lo studio danese L'olio di pesce, sotto forma di integratori, assunto negli ultimi tre mesi di gravidanza, ridurrebbe i fenomeni di asma o respiro sibilante persistente nel nascituro. Ad affermarlo è uno studio danese che ha coinvolto 695 donne in stato interessante e che è stato pubblicato dal New England Journa...
  • Stress, ansia e paura: per il cervello sono malattie contagiose. Lo studio9 gennaio 2017 Stress, ansia e paura: per il cervello sono malattie contagiose. Lo studio Il cervello umano è predisposto al contagio emotivo, come ha dimostrato la scienza. Le emozioni vengono trasmesse attraverso i cosiddetti neuroni specchio, delle cellule nervose che permettono di entrare in empatia con gli altri e di assorbirne anche i malumori, la negatività, lo stress e la paur...
  • Anche via Internet si possono prendere delle malattie19 aprile 2017 Anche via Internet si possono prendere delle malattie Internet è sicuramente sinonimo di innovazione, ma anche di qualche disturbo psicologico (a volte grave). I medici ne hanno individuati alcuni: sono condizioni patologiche della mente provocate da un rapporto morboso con gli strumenti che collegano alla rete. Le abitudini quotidiane di ogni indiv...
  • Approvati nuovi Lea, inseriti anche quattro nuovi vaccini22 dicembre 2016 Approvati nuovi Lea, inseriti anche quattro nuovi vaccini Attesi da lungo tempo, i nuovi Lea sono stati approvati ieri (21 dicembre 2016) dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin e includono quattro nuovi vaccini per varicella, pneumococco, meningococco, Vaccino anti HPV. I provvedimenti saranno operativi dal 2017. Nei Lea aggiornati entra anche il ...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>