Iperemesi. Una donna su 100 ha lo stesso problema di Kate Middleton

Iperemesi. Una donna su 100 ha lo stesso problema di Kate Middleton
Un'attesa non proprio dolce per chi, come Kate, soffre di iperemesi. Può accadere, infatti, di stare male fino a 50 volte al giorno, con nausea e vomito gravi. Una condizione, quella della duchessa di Cambridge, che interessa una donna su cento in gravidanza. Stando ai dati si verifica in rari casi, ma va gestita con attenzione, spiegano i medici. Se nausea e vomito sono sintomi sperimentati da quasi tutte le donne durante la gestazione (circa 8 su 10), soprattutto nei primi mesi probabilmente a causa dei cambiamenti ormonali, nell'iperemesi gravidica continuano per tutto il periodo della gravidanza. Kate ne è stata colpita durante tutte le gravidanze, compresa l'ultima, annunciata pochi giorni fa. Chi, come lei, vive questa condizione manifesta nausea e vomito prolungate e gravi. La disidratazione è tra i problemi principali, perché non si riesce a trattenere i liquidi, ma può subentrare anche perdita di peso, pressione bassa quando si sta in piedi e chetosi. Quest'ultima provoca l'accumulo di sostanze chimiche acide nel sangue e nelle urine, un meccanismo che si aziona perché il corpo fa leva sulle riserve di grasso piuttosto che sugli zuccheri per l'energia. Il sistema sanitario inglese ha voluto mettere in evidenza questa problematica attraverso una scheda dedicata alla patologia sul proprio sito (Nhs). Purtroppo l'iperemesi non si allevia entro 14 settimane, come accade per chi sperimenta forme lievi o moderate di nausea e vomito, ma può durare per l'inter[...]

Articoli correlati

  • In 34 banche del latte materno una nuova tecnica tutta italiana1 aprile 2017 In 34 banche del latte materno una nuova tecnica tutta italiana Arriva una nuova tecnica nella pastorizzazione del latte umano donato alle Banche del Latte che consente di preservare molte più proprietà nutrizionali e biologiche del latte materno. Quest'ultimo è indispensabili per la sopravvivenza e la crescita dei neonati prematuri. Il nuovo metodo di pastor...
  • Dislessia: il videogioco che insegna a leggere ai bimbi20 luglio 2017 Dislessia: il videogioco che insegna a leggere ai bimbi In casi di dislessia, l'uso di particolari videogiochi stimola e velocizza la capacità di lettura anche nei bambini di madrelingua inglese, migliorando non solo l'attenzione visiva, ma anche la memoria verbale. Ad affermare questa tesi è uno studio condotto da un team di giovani ricercatori, tra ...
  • Gravidanza, il segreto dell’olio di pesce per i bimbi. Lo studio danese4 gennaio 2017 Gravidanza, il segreto dell’olio di pesce per i bimbi. Lo studio danese L'olio di pesce, sotto forma di integratori, assunto negli ultimi tre mesi di gravidanza, ridurrebbe i fenomeni di asma o respiro sibilante persistente nel nascituro. Ad affermarlo è uno studio danese che ha coinvolto 695 donne in stato interessante e che è stato pubblicato dal New England Journa...
  • Parto cesareo, per lesioni cerebrali tre infermiere indagate a Catania6 dicembre 2016 Parto cesareo, per lesioni cerebrali tre infermiere indagate a Catania Il desiderio di avere un figlio, poi scoprire di essere incinta. Nove mesi di sacrifici, rinunce, fatica, attesa, gioia. Un giorno arriva il momento del parto in un ospedale di Catania e qualcosa va storto. Il bambino nasce con gravi lezioni cerebrali. Oggi, a un anno di distanza, tre dottoressa...
  • Il pesce è alleato del cuore, ma attenzione ai contaminati9 maggio 2017 Il pesce è alleato del cuore, ma attenzione ai contaminati Il pesce contiene acidi grassi omega 3, in grado di ridurre il rischio di aritmie, diminuire i livelli di trigliceridi nel sangue, rallentare la progressione della placca aterosclerotica e ridurre leggermente la pressione. A ribadire le sue proprietà nutritive essenziali per il benessere umano è ...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>