Martin Ford. Come lavorare sul suo “futuro senza lavoro”

Un altro libro sullo sviluppo senza lavoro si affaccia all'attenzione. Martin Ford, imprenditore del software, scrive "Il futuro senza lavoro. Come prepararsi alla rivoluzione economica in arrivo". Il sottotitolo significa che l'Autore ritiene possibile correggere il titolo. I dati che mette in luce sulla tendenza alla riduzione di ore lavorate per la produzione di un reddito crescente sono noti ma qui ben raccolti e spiegati. La produttività che cresce molto più dei salari, la concentrazione della ricchezza nelle mani di pochi e soprattutto la polarizzazione della distribuzione del reddito con un aumento della quota riservata al profitto e una riduzione della quota riservata al salario, sono altrettanti fenomeni noti e qui ben descritti. Ma il vero valore del libro è nei capitoli che si occupano di spiegare le logiche tecnologiche che sottendono la trasformazione economica attuale. La mancanza di conoscenza delle tecnologie tende a spingere i lettori dei dati accennati sopra nella condizione disperata di chi ritiene ineluttabile il disastro sociale ed economico conseguente alla sfida organizzativa del tempo presente e del prossimo futuro: l'impressione di ineluttabilità discende dalla mancanza di conoscenze sulla complessità delle tecnologie dalla quale emergono i fenomeni citati e dalla conseguente concentrazione sul timore dei loro effetti diretti e lineari. Ma chi conosce le tecnologie può vedere che la loro applicazione alla vita reale può avvenire per vie e co[...]

Articoli correlati

  • Programma pro-verità per ecologisti dei media7 dicembre 2016 Programma pro-verità per ecologisti dei media Nel mondo della post-verità, si diffondono molte notizie false. E parallelamente perdono credibilità le notizie vere. Semplicemente entrano nel grande minestrone. Il punto è che questo rende meno rilevante il lavoro di chi cerca notizie vere e di chi promuove valori autentici. Stiamo parlando ...
  • Che cosa sono quelle piattaforme24 agosto 2016 Che cosa sono quelle piattaforme Mentre l'internet si alimenta nella mobilità e il computing nella nuvola, le piattaforme come Apple, Amazon, Google, Facebook, Microsoft diventano le utility dell'ambiente mediatico emergente. Infrastrutture per mondi che esse stesse creano e governano algoritmicamente. Nei quali mondi vorrebbero...
  • Onorevole lui – Stefano Quintarelli: Costruire il domani18 maggio 2016 Onorevole lui – Stefano Quintarelli: Costruire il domani Il libro di Stefano Quintarelli è imprescindibile: Costruire il domani. Istruzioni per un futuro immateriale. È la testimonianza di una persona che riflette su ciò che fa: perché a "costruire il domani" Quintarelli si è dedicato come scrittore, ma anche come imprenditore, tecnologo e, attualmente...
  • A ferragosto pensando al lavoro… Industria 4.0 a cura di Annalista Magone e Tatiana Mazali14 agosto 2016 A ferragosto pensando al lavoro… Industria 4.0 a cura di Annalista Magone e Tatiana Mazali Il dibattito internazionale sul futuro del lavoro continua, anche a ferragosto. Perché probabilmente è uno dei temi più appassionanti, preoccupanti, definitori della prospettiva che abbiamo di fronte, almeno in Occidente. Uno studio fin troppo famoso pubblicato nel 2013 da Carl Benedikt Frey ...
  • Corruzione in Italia e nel mondo. In Italia di più21 agosto 2016 Corruzione in Italia e nel mondo. In Italia di più Oggi sul Sole 24 Ore una doppia pagina con le stime della corruzione nel mondo elaborate dalla Fondazione Hume (Piero Ostellino presidente, Luca Ricolfi presidente del comitato scientifico). L'Italia ha un indice di corruzione a quota 56,2, il doppio della Germania, quasi otto volte quello della ...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>