Bildeberg for dummies

E' diventato il protagonista dei più accesi scambi di opinioni su Facebook con l'avvento di Monti al governo, delle prime pagine dei portali di controinformazione (quelli che gli altri queste cose non ve le diranno mai, badate bene), è entrato nelle favole da raccontare ai bambini per farli impaurire ed ubbidire, ma è anche diventato la spiegazione passe-partout contro tutti i nostri mali. E' lui: il gruppo Bilderberg. Avevo già scritto qui un anno fa del perché le teorie del complotto piacciono tanto, che in realtà non l'ho scritto io, ma ho solo riassunto una ricerca universitaria sul fenomeno. Ma mi è stato detto di smetterla di fare la saccente che giudica gli altri dall'alto verso il basso, che ne so io di cosa ha bisogno di credere la gente e se sei così certa che Bilderberg non sia questo pericoloso centro di controllo mondiale perchè non provi a spiegarci tu cosa è? Così ci ho pensato, mi sono informata (andando oltre informareperresistere, chiedo venia) e vediamo un po' cosa riusciamo a cavarci. Cosa è Bilderberg? Partiamo da Wikipedia che ci dice questo: “Il gruppo Bilderberg (detto anche conferenza o club) è un incontro annuale per inviti, non ufficiale, di circa 130 partecipanti, la maggior parte dei quali sono personalità influenti in campo economico, politico e bancario. I partecipanti trattano una grande varietà di temi globali, economici, militari e politici”. Nel sito ufficiale del gruppo, alla voce About Bilderberg, leggiamo quanto se[...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>