L’Italia si prepara ad inviare navi in Libia dopo le richieste di al-Sarraj

L’Italia si prepara ad inviare navi in Libia dopo le richieste di al-Sarraj
Dopo che, in visita a Roma, di rientro da Parigi, al-Sarraj ha chiesto al governo italiano “sostegno tecnico con unità navali italiane nel comune contrasto al traffico di esseri umani, da svolgersi in acque libiche”, come poi spiegato dal presidente del consiglio, Paolo Gentiloni, il Consiglio dei ministri è pronto a dare il via libera. “Negli sforzi per contrastare l’immigrazione clandestina troveremo difficoltà, ma vogliamo far sì che questi sforzi camminino di pari passo a quelli politici”. Aveva detto al-Sarraj. Le navi italiane entreranno di fatto nelle acque di Tripoli per supportare il lavoro della guardia costiera libica. La delibera con regole di ingaggio e tutele per i militari impegnati nell’operazione, con almeno una nave comando e altri mezzi, dovrebbe essere approvata oggi e portata all’esame del Parlamento martedì. Se passerà, entro sette giorni le navi impegnate con “Mare sicuro” potrebbero essere spostate nell’area.  Come detto le regole di ingaggio non sono ancora state definite, ma quel che si sa è che a gestire le operazioni di controllo dei flussi, a fermare le barche degli scafisti, a riportare a terra i migranti dovranno essere i libici. Il governo italiano  - scrive Repubblica - non vuole che l'accordo tra l’italia e la Libia “lasci spazi di ambiguità, che potrebbero trascinare il personale della missione in situazioni complicate, facilmente strumentalizzabili”. Le motovedette della marina libica dovranno seguire le [...]

Articoli correlati

  • Configurazione finale per software 2B e 3i dell’F-3510 maggio 2016 Configurazione finale per software 2B e 3i dell’F-35 E’ stato completato, da parte del Joint Program Office (JPO), lo sviluppo del software Block 2B e 3i dell’F-35. A darne notizia, il JPO. Il software sarà utilizzato dall’US Air Force per dichiarare l’Initial Operational Capability, prevista per quest’anno, con qualche mese di ritardo sulla tabell...
  • Sono sessanta le navi in vendita della Marina4 maggio 2016 Sono sessanta le navi in vendita della Marina Come già scritto in occasione della presentazione a Roma dell’evento Seafuture & Maritime Technologies 2016, che si terrà a La Spezia dal 24 al 27 maggio, la Marina militare italiana, visto il considerevole numero di unità in dismissione, è impegnata nella promozione di unità navali retrofitt...
  • Con l’addestratore TH-119 Finmeccanica guarda all’US Navy17 maggio 2016 Con l’addestratore TH-119 Finmeccanica guarda all’US Navy Leonardo-Finmeccanica ha presentato al salone Navy League Sea-Air Space Exhibition (Washington D.C., 16-18 maggio), la variante dell’elicottero monomotore AgustaWestland AW119, denominata TH-119 e dedicata a compiti di addestramento per i clienti militari, primo tra tutti la US Navy. La nuova ver...
  • Navi italiane per il Qatar, battuti i francesi di DNCS15 giugno 2016 Navi italiane per il Qatar, battuti i francesi di DNCS Altro successo per l’industria della difesa italiana nell’area del Golfo. Il Qatar acquisirà quattro corvette e una nave anfibia dal nostro Paese. Ulteriori dettagli saranno forniti domani, dopo l’annuncio ufficiale dell'intesa, ma la commessa, per la quale dovrebbe arrivare un contratto a breve ...
  • Commessa Qatar, Pinotti: “Ha vinto il sistema Paese”17 giugno 2016 Commessa Qatar, Pinotti: “Ha vinto il sistema Paese” A pochi mesi dalla firma del contratto con il Kuwait per la fornitura al Paese in modalità governo-governo di 28 caccia Eurofighter, la Difesa italiana ha firmato un Memorandum of Understanding (MoU) per la cooperazione nel settore navale tra Italia e Qatar, a cui si sono aggiunti contratti con F...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>