Maggiore aumento di peso, maggiore rischio di morte prematura

Maggiore aumento di peso, maggiore rischio di morte prematura
Rispetto alle persone che riescono a mantenere il proprio peso stabile, coloro che, tra i 18 e i 55 anni, ingrassano da due a dieci chili, aumentano il rischio di contrarre malattie croniche, anche fatali. È il risultato di un nuovo studio dell'Università di Harvard, durato 36 anni e condotto su 118mila persone. Secondo i ricercatori della Harvard TH Chan School of Public Health: maggiore è l’ aumento di peso in età adulta e maggiore è il rischio di morte prematura. Lo studio è stato pubblicato il 18 luglio sulla rivista scientifica Journal of American Medical Association e mette in guardia sul peggioramento delle abitudini alimentari e sulla poca attenzione alla linea. Un problema maggiormente diffuso in America, ma che riguarda le persone di tutto il mondo. “Il nostro studio è il primo del suo genere a esaminare sistematicamente l’associazione di un aumento del peso corporeo tra la prima età adulta e la mezza età con i maggiori rischi sanitari che possono svilupparsi nella vecchiaia”, ha affermato Frank Hu, professore di epidemiologia e presidente del Dipartimento di nutrizione dell’Università di Harvard. “I risultati mostrano che anche un modesto aumento di peso può avere importanti conseguenze sulla salute”, ha aggiunto Hu. La maggior parte delle persone ingrassa durante l’età adulta, ma poiché la quantità di peso aumentata ogni anno può essere relativamente piccola, può passare inosservata alle persone e ai loro medici. Tuttavia[...]

Articoli correlati

  • Il pesce è alleato del cuore, ma attenzione ai contaminati9 maggio 2017 Il pesce è alleato del cuore, ma attenzione ai contaminati Il pesce contiene acidi grassi omega 3, in grado di ridurre il rischio di aritmie, diminuire i livelli di trigliceridi nel sangue, rallentare la progressione della placca aterosclerotica e ridurre leggermente la pressione. A ribadire le sue proprietà nutritive essenziali per il benessere umano è ...
  • Dislessia: il videogioco che insegna a leggere ai bimbi20 luglio 2017 Dislessia: il videogioco che insegna a leggere ai bimbi In casi di dislessia, l'uso di particolari videogiochi stimola e velocizza la capacità di lettura anche nei bambini di madrelingua inglese, migliorando non solo l'attenzione visiva, ma anche la memoria verbale. Ad affermare questa tesi è uno studio condotto da un team di giovani ricercatori, tra ...
  • “Perché le diete ci fanno ingrassare?” Parla Sandra Aamodt, neuroscienziata4 maggio 2017 “Perché le diete ci fanno ingrassare?” Parla Sandra Aamodt, neuroscienziata A scrivere è Sandra Aamodt, neuroscienziata americana. Dopo aver seguito molte diete per trent'anni, ha deciso di smettere e ha cominciato a mangiare quando aveva fame, finché non si sentiva sazia. Inoltre, ha smesso di pesarsi, ha inserito l’attività fisica nella sua agenda, e nel giro di un ann...
  • In 34 banche del latte materno una nuova tecnica tutta italiana1 aprile 2017 In 34 banche del latte materno una nuova tecnica tutta italiana Arriva una nuova tecnica nella pastorizzazione del latte umano donato alle Banche del Latte che consente di preservare molte più proprietà nutrizionali e biologiche del latte materno. Quest'ultimo è indispensabili per la sopravvivenza e la crescita dei neonati prematuri. Il nuovo metodo di pastor...
  • Ema- Efsa: ridurre l’uso degli antibiotici negli allevamenti25 gennaio 2017 Ema- Efsa: ridurre l’uso degli antibiotici negli allevamenti L’Agenzia europea per il farmaco e l’Autorità Ue per la sicurezza alimentare hanno ribadito in una nota congiunta come la resistenza antimicrobica sia uno dei problemi di salute pubblica e l'uso degli antibiotici negli animali contribuisce a questo problema. “Ridurre al minimo l’uso e ripensare i...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>