Cresce la costellazione Galileo. Quattro satelliti in orbita con Ariane 5

Cresce la costellazione Galileo. Quattro satelliti in orbita con Ariane 5
Il lanciatore Ariane 5 ha portato in orbita quattro satelliti di Galileo, il sistema di navigazione e localizzazione satellitare europeo alternativo all'americano GPS. Partito regolarmente alle 14:06 di ieri dal Centro Spaziale europeo di Kourou, in Guyana francese, il volo VA233 è stato il sesto dell'anno per il grande lanciatore europeo, tra i più complessi dato il payload composto da quattro satelliti dal peso di circa 700 kg (più 447 per i dispenser) da condurre oltre i 23mila chilometri di altezza. Le operazioni di volo sono durate circa tre ore e mezza per il rilascio della prima coppia di satelliti; la seconda ha dovuto aspettare altri venti minuti. Per raggiungere le posizioni designate, invece, i "fantastici quattro" (così li ha già rinominati l'Agenzia spaziale europea - Esa) impiegheranno tra i 9 e i 13 giorni. Il compito di portare nell'orbita terrestre le componenti della costellazione europea era fino ad ora stato affidato al razzo Soyuz, e sempre con lanci di singole coppie. Per la missione VA233 si tratta dei satelliti 15, 16, 17 e 18 di una costellazione che ha visto il lancio della prima coppia nell'ottobre del 2011 e che in piena operatività ne conterà 27 (più 3 di riserva) in Medium Earth Orbit (MEO). Il programma Galileo è frutto della collaborazione tra Esa e Unione europea. Notevole il contributo italiano, sia con l'Agenzia spaziale italiana (Asi) che con il comparto industriale. Leonardo-Finmeccanica ha realizzato e realizza i sensori[...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>