Wannacry, il malware che ricatta il mondo

Wannacry, il malware che ricatta il mondo
Nella mattina di venerdì 12 maggio, un esteso cyber-attacco ha colpito le infrastrutture informatiche di almeno 74 paesi (c’è chi parla di 99, si rimanda alla mappa interattiva sviluppata da Intel, https://goo.gl/g683We) tra cui, principalmente, Spagna, Regno Unito, Russia, Cina, Ucraina, India, Taiwan, Germania. L’operazione, ribattezzata “Wannacry” dall’estensione del file .wcry all’origine del contagio, comprende circa 100-150 mila (200 mila secondo altri) attacchi in tutto il mondo e rientra nella categoria dei ransomware, i “malware  che  criptano  le informazioni   all’interno   di   un   sistema   informatico   richiedendo   un   riscatto   per   la decrittazione”. A differenza di altri ransomware però, Wannacry prevede un countdown per il pagamento. Se non versata entro 3 gg la cifra è raddoppiata, entro 7 gg i files distrutti irrevocabilmente. Il decryptor di Wannacry che chiede il riscatto: La cifra per il riscatto è rapidamente cresciuta passando dai 300 $ iniziali agli ultimi 600 $ da versare su portafogli Blockchain in Bitcoin. Questo aumento è avvenuto prima della data in cui la cifra si sarebbe raddoppiata (3 gg dall’infezione) e quindi, è probabile, che per alcuni il riscatto potrebbe diventare molto più alto (1200 $) dopo il 16 maggio. Questi gli indirizzi dei portafogli principali su cui viene richiesto di effettuare il pagamento: https://blockchain.info/address/13AM4VW2dhxYgXeQepoHkHSQuy6Nga[...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>